Integratori alimentari naturali a sostegno della tua salute!

IL TUO CARRELLO


Prezzo
Qtà

TOTALE

€0,00 Aggiorna il carrello

Prezzo escluso le spese di spedizione


Per procedere devi leggere ed accettare le Condizioni Generali di vendita


CALCOLA LE SPESE DI SPEDIZIONE

Alla scoperta dello zinco: proprietà, benefici e curiosità

Principio Attivo

Lo zinco è un prezioso microminerale denominato come Zn nella tavola periodica: si tratta di uno degli elementi con un ruolo molto importante nel corpo umano, dato che offre innumerevoli benefici ed è essenziale per molti processi del nostro organismo. All'interno del corpo lo zinco si trova in piccole quantità, in particolar modo nei tessuti come muscoli, ossa, pelle e fegato, e il nostro organismo ne beneficia in questo modo:

  • Esso contribuisce al normale metabolismo dei carboidrati.
  • È un elemento che aiuta a mantenere normale la funzione cognitiva.
  • Mantiene alto il livello di fertilità, sia negli uomini che nelle donne.
  • Aiuta a stimolare il metabolismo dei macronutrienti.
  • È un minerale utile all'assimilazione della vitamina A nel corpo umano.
  • Contribuisce a mantenere sani e forti i tessuti come ossa, unghie, denti, capelli e pelle.
  • Aiuta a mantenere un buon livello di testosterone nel sangue.
  • È uno degli elementi che contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario.
  • Con il suo principio attivo protegge le cellule dallo stress ossidativo.

 

L’organismo, però, non è in grado di mantenere a lungo le proprie risorse di zinco, ed è per questo che è necessario integrarlo tramite una dieta equilibrata.

 

Alimenti in cui si trova

 

zinco alimenti dove si trova

È possibile trovare lo zinco in diversi alimenti, sia di origine animale che vegetale:

  • Le ostriche e molluschi.
  • La carne rossa, in particolare quella bovina, suina e ovina.
  • Semi oleosi come quelli di zucca, papavero e girasole.
  • I funghi.
  • Il tuorlo d’uovo e avocado.
  • Le noci.
  • Il cacao amaro.


Nota bene: Ci sono elementi che riducono l’assorbimento dello zinco nell'organismo: i cereali e i latticini (questi ultimi a causa del calcio).

È bene ricordare, inoltre, che chi segue una dieta vegan o vegetariana potrebbe incontrare problemi data l'impossibilità di consumare alimenti di origine animale: in questo caso, è possibile favorire un maggiore assorbimento dello zinco vegetale grazie ad alimenti contenenti glucosio e proteine di soia.

 

Carenza di zinco, cosa comporta e come fare per integrarlo

Come spiegato nel primo paragrafo, il nostro organismo ha un costante bisogno di integrare lo zinco al suo interno. Non potendolo immagazzinare, è facile soffrire della carenza di questo minerale se non viene seguita una dieta corretta. I sintomi possono variare da persona a persona e non sono mai gravi, ma generalmente si possono riscontrare nella caduta insolita di capelli e nei cambiamenti della pelle. Anche il sistema immunitario ne risente: la carenza dello zinco può infatti portare ad aumentare il rischio infezioni e ad una lenta cicatrizzazione delle ferite. In alcuni casi si può riscontrare anche stanchezza, irritabilità e in generale problemi legati alla funzione psichica.

zinco per caduta capelli

Una dieta equilibrata, segnata dal proprio nutrizionista, può aiutare a combattere la carenza di zinco. Inoltre, è possibile assumere integratori naturali per poter assimilare maggiormente il minerale. Le capsule, infatti, contengono una maggiore quantità di principio attivo concentrato, e sono utili nei casi di carenze più gravi.

Scopri i prodotti B!Tonic contenenti Zinco

Eccesso di zinco

Integrare lo zinco è essenziale per il nostro corpo, ma nelle giuste quantità!
Anche per questo è necessario farsi seguire da un professionista: l’eccesso di zinco può causare, infatti, sintomi come nausea ricorrente e in certi casi il vomito, nervosismo e vertigini. In casi più gravi, può contribuire ad alterare il livello di colesterolo nel corpo.

 

Le dosi giornaliere di zinco

Di seguito, ecco le indicazioni generali diffuse dalla Società Italiana di Nutrizione Umana per l’apporto giornaliero di questo minerale:

  • Da 0 a 1 anno: un massimo di 3mg di zinco al giorno.
  • Dai 3 anni ai 10 anni: si parte da 5mg fino a raggiungere gli 8 mg.
  • Maschi dagli 11 anni in poi: 12mg di zinco.
  • Femmine dagli 11 in poi: 9mg di zinco.

Come per ogni minerale o vitamina, le dosi giornaliere variano da persona a persona: gravidanza, carenze eccessive o patologie particolari possono aver bisogno di un trattamento particolare, sempre accuratamente seguito da un professionista.

 


Lascia un Commento