Integratori alimentari naturali a sostegno della tua salute!

IL TUO CARRELLO


Prezzo
Qtà

TOTALE

€0,00 Aggiorna il carrello

Prezzo escluso le spese di spedizione


Per procedere devi leggere ed accettare le Condizioni Generali di vendita


CALCOLA LE SPESE DI SPEDIZIONE

Proprietà e benefici del calcio: il minerale indispensabile per le ossa

Principio Attivo

Il calcio, presente nella tavola periodica sotto il simbolo Ca++, è un minerale che si può trovare in natura, ma che è presente in larghe quantità nel nostro organismo. Un’alta concentrazione si trova, infatti, nell'apparato scheletrico e nei denti (quasi il 99%), ed è infatti il minerale più abbondante tra quelli presenti nel nostro corpo. Le sue funzioni sono principalmente legate alla salute delle ossa e dei denti, dato che sostengono la loro struttura e ne favoriscono il corretto sviluppo. Ma i benefici del calcio non finiscono qui:

  • Svolge un ruolo importante per il sistema nervoso, mantenendolo sano e contribuendo alla normale neurotrasmissione.
  • Favorisce corretta coagulazione del sangue.
  • Contribuisce al normale funzionamento del sistema muscolare.
  • È parte attiva nel processo di divisione e di specializzazione delle cellule.

 

È importante sapere, inoltre, che il calcio vive in simbiosi con la vitamina D. Cosa significa questo? Questa vitamina è essenziale per il corretto assorbimento del minerale, dato che permette al calcio di essere ben distribuito, aiutando inoltre il rimodellamento osseo. Il miglior modo per assumere questa vitamina è l’esposizione al sole e una dieta sana.

 

Alimenti in cui si trova il calcio

Dopo aver individuato tutti i suoi benefici, è bene sapere dove è possibile trovare il calcio in natura e come assumerlo. Non c’è da preoccuparsi per chi segue una dieta vegana o vegetariana: anche molti alimenti di origine vegetale contengono il calcio.

minerale calcio dove si trova alimenti

Ecco una breve lista degli alimenti che contengono un buon apporto di questo minerale:

  • Il latte e i suoi derivati.
  • Il pesce azzurro, ma anche gamberi, polpo e calamari.
  • La frutta secca, come le arachidi, le mandorle, noci, pistacchi e nocciole.
  • Il tofu 
  • L’arancia
  • Per quanto riguarda le verdure, sono soprattutto quelle verdi a contenere una maggiore quantità di calcio, sebbene sia meno assimilabile rispetto al minerale di origine animale: broccoli, rucola, cavolo riccio e carciofi.
  • Infine, i legumi come per esempio i fagioli, i ceci e le lenticchie.

Nota bene: è importante sapere che gli alimenti ossalati e ricchi di fibre impediscono il corretto assorbimento del calcio, ed è quindi sconsigliato assumerli nello stesso pasto. È essenziale inoltre seguire una dieta povera di sale e non troppo ricca di proteine, poiché entrambi facilitano la perdita del calcio attraverso l’urina.

 

La carenza di calcio: cosa comporta e come rimediare

La carenza di calcio non è difficile da scovare: sono diversi i sintomi che la mancanza di questo minerale può causare.
La fragilità di ossa, denti e unghie sono il campanello d’allarme principale: crampi frequenti, denti che si rompono dopo lievi urti, unghie che si spezzano e il rischio fratture.

carenza calcio sintomi

È bene sapere che questi sintomi possono essere causati non solo dal basso consumo di calcio, ma anche dalla mancata assimilazione. Infatti, anche se si consuma il giusto apporto di alimenti ricchi di questo minerale, è possibile che una carenza di vitamina D ne impedisca l’assorbimento.

Questo basta per comprendere che la carenza non si combatte con la semplice assunzione di calcio, ma seguendo anche uno stile di vita ricco e sano: attività sportiva, nessun consumo di alcool e fumo, una dieta equilibrata e una continua idratazione sono le regole fondamentali per rimediare a qualsiasi carenza vitaminica o minerale.

È importante sottolineare che è essenziale seguire i consigli del proprio nutrizionista, poiché ogni organismo ha le sue necessità e ha bisogno di una certa quantità di calcio giornaliero. Inoltre, è possibile assimilare il minerale non solo attraverso gli alimenti, ma anche attraverso integratori, che contengono una concentrazione maggiore del principio attivo.

Nota bene: l’osteoporosi è uno degli effetti collaterali più gravi causati dalla carenza di calcio, soprattutto nelle donne. Bisogna sottolineare, però, che questa malattia deriva anche, e soprattutto, da fattori anagrafici (età avanzata, genere femminile, fragilità ossea congenita), la mancanza totale di attività fisica, alterazioni ormonali o l’uso di farmaci.

Scopri i prodotti B!Tonic contenenti Calcio

Le quantità di calcio giornaliere

 

quantità giornaliere calcio

Il Ministero della salute ha indicato delle quantità base per l’assunzione di calcio giornaliera:

  • Da 0 a 6 anni è consigliabile circa 0,6/0,8 grammi di calcio al giorno.
  • Dai 7 ai 29 anni la quantità è di all’incirca 1 grammo giornaliero (1,2gr dagli 11 ai 17 anni).
  • Dai 30 anni in poi avvengono le prime differenze tra uomini e donne: gli uomini infatti possono assumere 0,8gr di calcio fino ai 59, mentre le donne fino ai 49.
  • Le donne dai 50 anni in poi dovranno assumere una quantità che oscilla tra i 1,2gr e i 1,5gr giornalieri.
  • Gli uomini dai 60 anni in poi potranno integrare una quantità costante di 1gr al giorno di calcio.

La differenza di genere è dovuta principalmente alla comparsa della menopausa nelle donne dai 49 anni in poi: essendo più a rischio di osteoporosi, hanno bisogno di un maggior apporto giornaliero. La Società Europea Menopausa e Andropausa ha infatti osservato che sia in Europa che negli Stati Uniti, il 30% delle donne in menopausa soffre di osteoporosi, e il 40% sono a rischio di fragilità ossea.


Lascia un Commento